• Lodovici Assicurazioni

Distrazione fatale


Quando si tratta di sicurezza stradale, in molti paesi la tecnologia in auto risulta essere più pericolosa dell’alcol in quanto distrae pericolosamente i conducenti dalla guida. L’alcol è stato a lungo considerato una delle cause più pericolose di incidenti stradali, ma le distrazioni dovute alla tecnologia della vettura, compresi smartphone e sistemi di navigazione satellitare, stanno risultando essere un rischio maggiore. Circa il 75% dei conducenti ammette di essere distratto durante la guida! Il dato è allarmante perché ci dice quanto è radicata questa cattiva abitudine! Un nuovo studio condotto dall'Allianz Center for Technology (AZT) dimostra che il rischio di un incidente aumenta drasticamente quando i conducenti si distraggono dalla guida per la tecnologia. Lo studio evidenzia una correlazione statistica tra tassi di infortuni più elevati e l'uso di informazioni, comunicazioni e funzioni di intrattenimento in offerta all'interno delle automobili. Il 60% dei guidatori che hanno avuto incidenti nei tre anni passati segnalano l’uso del loro cellulare mentre guidano. Solo il 37% dei conducenti che non hanno mai avuto un incidente riconoscono questo pessimo vizio. Il dirigente di Allianz Jochen Haug non è sorpreso: “più la tecnologia è varia e complessa, più il guidatore si distrae dalla guida”. Nel 2016 si sono verificati in Italia 175.791 incidenti stradali con lesioni a persone che hanno provocato 3.283 vittime (morti entro il 30° giorno) e 249.175 feriti. (dati ansa). Tra i comportamenti errati più frequenti sono da segnalare la guida distratta (16%), il mancato rispetto della precedenza (15%) e la velocità troppo elevata (11%). Se oggigiorno l’atteggiamento verso la guida in stato d’ebbrezza non è socialmente accettabile, grazie alle numerose campagne di sensibilizzazione e alla normativa più aspra; sarebbe auspicabile avere questo atteggiamento verso l’utilizzo dello smartphone mentre si guida! Non solo l’alcol crea vittime ma anche la distrazione che risulta essere la causa principale d’incidente! Ricordiamo che tra i giovani, gli incidenti stradali, risultano essere la prima causa di decesso.

In breve:

  • Quasi ogni secondo un conducente commette violazioni relative al cellulare durante la guida

  • 3 /4 degli intervistati ammette di essere distratto dalla tecnologia presente in auto mentre guidano

  • Il 39% ammette di usare manualmente il navigatore satellitare mentre guida

  • 1 guidatore su 4 legge messaggi mentre guida e il 15% risponde - la percentuale si alza se si considera la fascia giovane (fino 24 anni): il 27% legge messaggi e il 23% risponde durante la guida

  • Il 60% dei guidatori che hanno avuto un incidente negli ultimi 3 anni racconta di usare il cellulare mentre guida, solo il 37% di coloro che non hanno avuto incidente ammette di farlo.

Cosa comporta la distrazione alla guida? (Fonte Ania)

  • I tempi di reazione di chi guida e contemporaneamente usa un dispositivo elettronico si riducono del 50%;

  • a 110/Km chi parla al cellulare fa 14 metri in più prima di fermarsi;

  • la distanza di arresto diventa di 39 metri se si guida col cellulare (8 metri se si usa l’auricolare o il kit vivavoce);

  • usare un dispositivo elettronico abbassa la soglia di attenzione rendendola simile a quella di chi guida con un tasso alcolemico di 0,8 g/l;

  • per chi parla al cellulare aumenta di 4 volte il rischio di commettere incidenti.

Se non riesci a fare a meno di parlare al cellulare, usa gli auricolari correttamente: ricorda che devi avere adeguate capacità uditive ad entrambe le orecchie e libere le mani oppure connetti lo smartphone con il Bluetooth.. per i più tecnologici ci sono diverse app per assisterti alla guida (a patto di utilizzare l'apposito supporto per smartphone per auto)!

#sicurezza #incidente #danni #infortunio #auto

2 visualizzazioni

Roberto Lodovici - Partita IVA 01000580165

Iscrizione RUI: A000002143 del 01/02/2007

L'intermediario è soggetto al controllo dell'IVASS.